Francesco Sarnà

Donne per sempre

E bene eccoci qui a festeggiare anche quest’anno la festa della donna. Beh vi chiederete il perché inizio così?! La risposta è molto semplice, visto che da altre fonti noi qualche mese fa saremmo dovuti sparire per sempre, ma ciò non è accaduto. Oggi è una di quelle giornate dove la maggior parte degli uomini gireranno in lungo ed in largo pur di trovare una mimosa da poter portare alle donne della propria vita, anche perché mica ne abbiamo una sola ma ne abbiamo molte, e tutte le donne che si adageranno sul pensiero ricevuto, organizzeranno una serata di solo donne, accetteranno tutti i complimenti del mondo ed infine ti diranno: “Le donne mica un giorno all’anno devono essere festeggiate ma tutti i giorni”. Sinceramente son d’accordo con quest’ultima frase ma è anche vero che come al solito la razza umano è incontentabile. C’è una cosa molto triste da dire ed è che oramai si è perso il vero senso della festa, ma questo è successo per tutte le feste oramai, se vi chiedessi il perché di questa giornata dedicata alle donne quanti/e sarebbero in grado di dirmelo? Sicuramente in molti ma chi è che da ancora peso al fatto di se per se? Sinceramente direi pochi. Volete sapere la mia sulla festa delle donne? Se si bene se no mi dispiace ma vi dirò ugualmente quel che penso.

La giornata internazionale della donna (comunemente definita, anche se in maniera impropria, festa della donna) ricorre l’8 marzo di ogni anno per ricordare sia le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne, sia le discriminazioni e le violenze cui esse sono ancora fatte oggetto in molte parti del mondo. Questa celebrazione si è tenuta per la prima volta negli Stati Uniti nel 1909, in alcuni paesi europei nel 1911 e in Italia nel 1922. (Fonte Wikipedia)

Io oggi mi ritroverò a dare gli auguri a tutte le donne che conosco, a fare dei pensierini alle donne che significano qualcosa di importante nella mia vita, ma avrò il cuore rivolto verso tutte le donne del mondo. Una cosa che bisogna far notare è il fatto che la donna è importante quanto l’uomo non più ne meno, delle volte corriamo nell’erroneità degli eventi, infatti si parla delle volte delle donne come se fossero più deboli e che non possano fare determinate cose, sia chiaro non colpevolizzo il maschilismo, anche perché sono le donne stesso che spesso fan si che ciò accada. Se prendiam la situazione in mano e valutiamo il tutto a mente fredda ci rendiamo conto che spesso le donne dicono che vogliono essere trattate come gli uomini, e fin qui sono pienamente d’accordo, ma quando poi la donna dice che determinate cose non le può fare perché è donna si tratta di una forma di ipocrisia, questo è un mio pensiero che può essere condiviso o meno. Io ad esempio sono a favore della parità dei sessi anche perché non esisterebbe l’uomo se non ci fosse la donna ma anche viceversa. E’ la storia stessa a insegnarci che son stati grandi uomini a creare grandi imperi ma sempre accompagnati da grandi donne, la religione cristiana ad esempio dice che Dio ha creato l’uomo e la donna, è anche vero che la donna abbia fatto maturare il peccato ma l’uomo non è stato da meno, quindi se era meno importante la donna l’uomo sarebbe stato in grado di valutare la situazione e fermare il peccato, per i mussulmani si dice che chi andrà in paradiso sarà accolto delle vergine ecc. La donna è importante quanto l’uomo questo è un principio della vita.

Molte delle cose che ho scritto sono delle cose dette e ridette ma è sempre meglio continuare a sottolinearle per limitare l’errore di portare il tutto nel dimenticatoio. Attualmente non ho una donna al mio fianco ma già so che se l’avessi ogni giorno per lei sarebbe una festa perché so la sua importanza, so che non sarei nulla senza e so che potrà essere la madre dei miei figli, la luce della mia strada, e l’acqua della mia vita. Ora vi lascio alla vostra giornata e siccome ancora non l’ho detto auguro a tutte le donne della terra gioia, rispetto, amore e vita a tutte.

Non posso lasciarvi di certo senza una canzone dedicata a tutte le donne. Anzi ve ne lascio 2: