Francesco Sarnà

E se la finissi?

Ecco uno di quei titoli che racconta tutto e attira l’attenzione. Si ragazzi, con questo titolo di sicuro avrò reso curiosi molti di voi ma come sempre son qui per un semplice sfogo personale. Oggi sarà un po’ diverso dal solito ma ho bisogno di sfogarmi altrimenti potrei esplodere.

Sono stanco, stanco mentalmente, quella mente che naufraga nell’abisso della depressione che pian piano sta distruggendo tutto come se fosse uno tsunami epico. Ho una voglia irrefrenabile del cambiamento ma esso gioca a nascondino in un mondo fatto di vetri trasparenti eppure non lo trovo, sono stufo di sentire il peso di essere un peso, sono folle della mia stessa follia. Sono tutte dichiarazioni pazzesche quelle che sto esternando oggi ma ci sono dei momenti dove dobbiamo in qualche modo espellere tutto per non cadere in tentazione, si ragazzi miei, proprio in tentazione, quella che ti assale nei momenti più bui ed estremi. Sto provando a scaricare un po’ di ansia, paura, rabbia e odio per non superare il limite, uno di quei limiti che non andrebbero mai superati ma capita che siano così vicini che ci guardiamo intorno e ci diciamo “ma perché non provo a superarlo?”. Beh se lo provassi a superare il problema è che non potrei tornare indietro e la cosa un po’ frena ma ciò non sempre funziona e allora ecco che cerco una valvola di sfogo. Sono pensieri forti e di certo non positivi e allora perché ve lo sto dicendo?! Semplicemente perché non voglio che altri facciano lo stesso errore, sono consapevole delle mie folli idee e che non sono un esempio per nessuno.

No davvero oggi non so che dire, è uno degli articoli più brutti che abbia mai scritto e vi chiedo perdono ma la mia mente è oppressa da cattive idee e non sono per niente calmo… Amici cari, vi prego di non arrivare mai a questo punto perché è pericoloso ed io forse non ho nulla da perdere ma tutti voi avete da perdere e non pensateci mai. Ora vi saluto…