Francesco Sarnà

Il tempo del racconto

Colpisci forte l’animo
Sempre che un sogno raccolga l’odore della tua pelle
Restaurando un immenso colore di vita
Nascosto tra le foglie del tempo
Granelli di sabbia graffiano il vasto terreno
E trincee tra le steppe del cuore
Sei un susseguirsi di coralli
Di immensa luce ma statici alla vista
Resto granito difronte al tempio che si prospetta dinanzi a me
Pervaso dal fuoco in un vortice di cenere
Sei magia e sei il trucco svelato
Ma l’impallidire della luna mostra la realtà
Ho scritto il tuo nome già prima che nascessi
Il destino lo disse e la linea del tempo l’ha confermato
La tua grandezza va oltre la densità della materia
I tuoi occhi mi hanno rapito
Ed io resto in attesa che il tempo racconti il sogno

Post a Comment