Francesco Sarnà

L’impasto ideale

Buon inizio a tuttiiii… Ieri come avete visto non mi sono fatto vivo, ma era domenica anche per me. La giornata di ieri si è sviluppata in modo molto tranquillo, mattinata con amici fino al pomeriggio, nel frattempo ho visto un po’ di partite di serie A, verso le 17:00 sono andato a fare la spesa e poi diretto verso casa. Una volta arrivato ho fatto un po’ di servizi e poi ho iniziato a preparare le pizzette, una mia specialità. Durante la preparazione sono stato tormentato da messaggi e chiamate e tutti che mi chiedevano, “Questa sera posso venire da te?”, e che fai?! Gli dici di no?! Non puoi, allora mi sono ritrovato a casa che cucinavo e i miei amici che si vedevano il derby di Milano, mi sono un po’ stancato visto che non mi sedevo da 7 ore ed andavo avanti e dietro, vicino i fornelli (da premettere che soffro il caldo). La per là può sembrare una serata stressante ed invece no, mi sono rilassato e sono stato con gli amici e tra una pizzetta ed una battuta il tempo è volato. Una volta che tutti sono andati via, il tempo di pulire di una doccia e via nel letto mi sono ritrovato con il cellulare che squillava… la mia bella sorellina che mi chiamava, e poi anche questa telefonata è stata come la ciliegina sulla torta. Bene ragazzi, questa è stata la mia domenica, nulla di speciale per alcuni ma speciale per me. L’impasto ideale è quello che mi ha circondato ed io l’ho accettato per quello che era. E si, non bisogna cercare sempre di avere di più ma delle volte basta accettare quello che si ha ed è li che troveremo il tesoro nascosto che assiduamente cerchiamo.