Francesco Sarnà

O mia donna, o donna del mondo

O mia donna, o donna del mondo
vivido il sorriso
sulle labbra del mattino
gli occhi stanchi del pensiero
cone le braccia sempre strette
a passeggio con passo lesto
e il cuor sempre distrutto
troppe volte hai pianto
molte altre purtroppo arriveranno
la nostra è semplice ignoranza
ma l’amor che il tuo animo offre
è più forte di ogni altro soldato
senza più violenza e senza più tocco
se non fosse solo un fiore soffice sul velluto della tua pelle

O mia donna, o donna del mondo
sempre forte e coraggiosa
senza paura e senza inganno
porti in grembo il futuro
e lo mostri con orgoglio
tu sei l’amor che perdona
sei l’amor che ama
sei l’amor che respira
ma questo amor troppe volte è stato strappato

O mia donna, o donna del mondo
grazie ai colori che hai
muti i tempi in affreschi vivi
ti adornano le poesie e le opere tutte
che il mio augurio ti soffi leggero tra i capelli
perché l’8 marzo è sempre come te

Post a Comment