Francesco Sarnà

Pinocchio

Quanti di voi hanno letto o sentito parlare di Pinocchio? Beh penso molti di voi… Oggi è l’anniversario della prima pubblicazione, della versione definitiva, del libro. Perché parlo di questa ricorrenza?! In realtà non voglio certamente sottolineare la ricorrenza ma in realtà, ci tengo in modo particolare, parlare della morale e della profondità di questa fiaba, riportandola un po ai giorni nostri. La storia in breve parla di un desiderio di un uomo, avere un figlio, e si rifugia dietro una marionetta da egli stesso realizzata. Una fata molto sensibile, decise di realizzare quel sogno è così da un pezzo di legno senza anima prese vita… Fino a qui, stupendo, ma non è tutto rose e fiori, infatti Pinocchio non poteva dire le bugie altrimenti gli si allungava il naso, beh potrei raccontarvi ancora altro ma non avrebbe senso. Tutto sommato, secondo voi qual era lo scopo di questa fiaba?! Non di certo era limitarsi al discorso di non dire le bugie, poiché possono portarti a delle conseguenze ma, a mio avviso, la morale, riportata ai giorni nostri, in realtà potrebbe essere sempre attuale, non è una ma sono più significati intrinsechi. Se prendiamo l’inizio c’è il sogno, sì proprio il sogno che può sempre realizzarsi, basta perseguire e continuare a sognare, poi c’è la lealtà che purtroppo è sempre meno presente nella nostra società, l’importanza delle piccole cose ed infine c’è una delle cose più importanti e belle… Sbagliare! Si, cari lettori, è fondamentale sbagliare perché con gli errori possiamo correggere ciò che ancora non sapevamo, di certo ci sono errori che è meglio non fare poiché non si può tornare indietro, per questo anche sbagliare può essere pericoloso, ma se fatto con criterio potremmo dire, un giorno, di avere l’esperienza giusta per una determinata situazione. Ora concludo con questa piccola frase, sperando di avervi fatto cogliere quel briciolo di imprudenza che serve sempre nella vita. Quando si è bambini siamo attratti dal fuoco, ma se non ci scottiamo non capiamo che il fuoco può fare anche male.